© 2019 by UniBas - Cattedra UNESCO - Campus Unibas, Via Lanera, 20 - 75100 Matera, Italia - Fax +39 08351971441 - Email unesco.chair@unibas.it

  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon

Il sito è realizzato con il contributo di:

intergea-logo.png
frascella-logo.png
cascione-logo.png
cantinevenosa-logo.png

Matera sito UNESCO

Il sito de “i Sassi e il parco delle chiese rupestri di Matera” è stato inserito nella Lista del Patrimonio Mondiale nel 1993, con la seguente motivazione:

“L’insieme dei Sassi e del Parco archeologico e naturale delle Chiese Rupestri di Matera costituisce una testimonianza unica dell’attività umana. L'eccezionale valore universale deriva dalla simbiosi tra le sue caratteristiche culturali e naturali.”

Il Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti (ICOMOS) nel rapporto al Comitato del Patrimonio Mondiale ha così valutato la qualità e l'autenticità del sito:

“I Sassi di Matera rappresentano l'esempio esistente più completo di continuità nella regione Mediterranea di questo tipo di insediamento, che si è sviluppato in perfetta armonia con l'ecosistema. Poiché i Sassi furono spopolati durante il periodo in cui l'autenticità di molti centri storici simili era compromessa, essi conservano lo stesso aspetto degli anni 50, che rappresenta la crescita strutturale di oltre due millenni. Fino ad ora la maggior parte dei lavori condotti hanno riguardato impermeabilizzazioni e ristrutturazioni con sostituzioni di parti crollate e coperture di tetti, così da prevenire ulteriore peggioramento. Attualmente l'autenticità può essere considerata ineccepibile.”

Inoltre il sito soddisfa i seguenti criteri per la misurazione dell'Eccezionale Valore Universale:

criterio iii: I Sassi ed il Parco di Matera sono un notevole esempio di insediamento rupestre perfettamente adattato al contesto geomorfologico e all’ecosistema attraverso una continuità di oltre due millenni; criterio iv: La città ed il Parco sono un notevole esempio di complesso architettonico e paesaggistico che illustra un numero significativo di stadi della storia dell’umanità; criterio v: La città ed il Parco sono un notevole esempio di insediamento umano e di uso del territorio tradizionali che mostrano l’evoluzione di una cultura che ha mantenuto nel tempo relazioni armoniose con l’ambiente naturale.

Il sito UNESCO di Matera comprende entrambi i versanti della profonda forra scavata dal torrente Gravina: a destra la città antica con il nucleo centrale della Civita e i due Sassi, il Barisano proteso a nord ed il Caveoso a sud, a sinistra il dato di natura, l'altipiano della Murgia, con i bassi arbusti sempreverdi della macchia mediterranea alternati da ampi spazi radi dove affiora la roccia calcarea e le prime forme di insediamento stabile.

A febbraio 2015 la Giunta Comunale di Matera ha approvato il Piano di Gestione del Sito UNESCO de “I Sassi e il Parco delle Chiese Rupestri di Matera”, e ad aprile 2015 il Consiglio Comunale di Matera ne ha deliberato la presa d’atto e condivisione, a seguito della validazione dello stesso piano da parte dei soggetti istituzionali responsabili della salvaguardia, tutela, valorizzazione e promozione del sito, riuniti nel Comitato di Pilotaggio. L’Università della Basilicata ha fatto parte del Comitato di Pilotaggio interistituzionale per la redazione del Piano di Gestione del sito UNESCO di Matera, che ha avviato percorsi e strategie di partecipazione, realizzando un ciclo di tre Simposi/Laboratorio, “spazi ideativi partecipati”, che si sono tenuti a Matera tra febbraio e aprile 2013, e a cui hanno partecipato i cittadini, le istituzioni locali e quelle nazionali, lavorando insieme in gruppi di discussione facilitati. Il Piano di Gestione e il relativo Piano di Azioni, sottoscritti dal Comitato di Pilotaggio e adottati dal Comune di Matera, valorizzano l’esperienza realizzata dei tre simposi e rilanciano l’idea della partecipazione dal basso da affiancare alla cooperazione interistituzionale con l’istituzione di un Osservatorio Permanente per la gestione del sito UNESCO.

L'Osservatorio Permanente del Piano di gestione del sito UNESCO, che ha il compito di coordinare e facilitare l’applicazione del Piano di Gestione come piano strategico per la città di Matera, è pensato come un luogo stabile di raccolta, elaborazione ed organizzazione delle indicazioni per la gestione del sito, che catalizzi e metta in rete le istituzioni con la comunità. Questo indirizzo risente delle nuove tendenze in Europa e nel mondo che riconoscono la necessità del coinvolgimento della comunità nelle pratiche di costruzione e di tutela del paesaggio e delle identità culturali.

 

Relativamente alla cultura, Matera coglie l'opportunità di candidarsi a capitale europea per il 2019 e avvia un percorso di costruzione in città di una proiezione nel futuro dei valori e delle capacità da mettere in campo a partire dai caratteri e dal patrimonio culturale attuale. In tale progetto rientra il sito UNESCO e il percorso relativo alla definizione del Piano di Gestione, come modello di modalità di coinvolgimento della città e delle istituzioni.